Come scegliere l’abito da sposa in base al fisico

come-scegliere-l-abito-da-sposa-in-base-al-fisico

Per il giorno del sì, un abito che esalti al massimo la silhouette della sposa e la faccia sentire bellissima è fondamentale. Come scegliere l’abito da sposa in base al fisico? Conoscere il proprio corpo è importante per individuare il modello che valorizzi al meglio le proprie forme. Rappresenta il primo passo per trascorrere momenti magici durante la cerimonia e i festeggiamenti. Un abito da sposa scelto in base al fisico farà un figurone nelle foto e permetterà di sentirsi a proprio agio durante il matrimonio.

Fisico a pera: l’abito da sposa più adatto

Le principali caratteristiche del fisico a pera sono i fianchi larghi e pronunciati, un punto vita sottile e spalle strette. Il seno può essere prorompente oppure più contenuto. Quello che conta, in questo caso, è valorizzare in modo adeguato il vitino di vespa, con un abito da sposa adatto.

I modelli che donano maggiormente alle donne con un fisico a pera sono quelli cosiddetti A-line, che scivolano morbidi sui fianchi senza costringerli. Sono aderenti sulla vita e, spesso, sono strutturati con un corpetto che evidenzia il décolleté o lo avvolge dolcemente.

Gli abiti da sposa con questa conformazione dovranno riequilibrare le proporzioni tra fianchi e busto, considerando che la parte superiore del corpo è più stretta rispetto a quella inferiore. I vestiti da sposa consigliati sono quelli con un corpetto dalla scollatura a cuore, preferibilmente senza spalline. Anche un modello stile impero, con la gonna che scende morbida sui fianchi subito dopo il seno, valorizzerà la figura del fisico a pera, caratteristico di gran parte delle donne mediterranee.

L’importante è non segnare i fianchi e scegliere tessuti che scivolino dolcemente, senza avvolgere in modo troppo stretto anche il fondoschiena.

Se il fisico è a pera, è sconsigliato scegliere un abito a sirena. Questo tipo di abito, infatti, è stretto sui fianchi fino alle ginocchia, e la gonna che si sviluppa verso il fondo con un taglio aperto.

La forma della gonna può essere anche ampia e importante, come quella di una principessa, perché è vaporosa, mentre il corpetto valorizza il punto vita.

Fisico a clessidra: come scegliere l’abito migliore?

Se il fisico è a clessidra, significa che il punto vita è stretto e gli equilibri tra parte superiore e inferiore del corpo sono armoniosi. In questo caso, la sposa può indossare praticamente qualsiasi abito desideri, privilegiando quelli che esaltano la vita sottile.

Come scegliere l’abito da sposa in base al fisico a clessidra? L’abito in stile impero non risulta particolarmente adatto, poiché non è in grado di esaltare al meglio questa silhouette. Il vestito in stile principessa sarà in grado di valorizzare il punto vita e il décolleté, sviluppandosi verso il basso con gonna e crinolina.

Anche il modello a sottoveste risulta particolarmente indicato per la conformazione a clessidra, perché valorizza il punto vita e presenta una gonna morbida e scivolata.

Per il fisico a clessidra, sarà possibile anche orientarsi verso modelli con bretelline, in pizzo oppure impreziosite da piccoli brillantini, che donano un punto luce all’intera mise della sposa.

Il fisico a clessidra si presta anche a indossare un abito da sposa a sirena, considerando che, per questo modello, la libertà di movimento risulta però piuttosto limitata. Se la sposa desidera scatenarsi nel ballo durante la festa dopo la cerimonia, dovrà valutare con attenzione il modello più adatto.

Fisico a mela: scegliere l’abito giusto può risolvere la situazione

Quando il fisico è a mela, le spalle sono in genere strette, il punto vita è pronunciato o poco definito e i fianchi sono stretti. Per questo motivo molte spose ci chiedono come scegliere l’abito da sposa in base al fisico a mela. In questa eventualità, occorre giocare con gli equilibri dell’abito da sposa. Dovrà preferibilmente essere in stile impero, per minimizzare lo squilibrio tra punto vita, spalle e fianchi.

Allo stesso modo, un vestito A-line, con un corpetto che non fasci in modo eccessivo il punto vita ed è disegnato con le spalline, sarà in grado di delineare una figura più armonica, grazie alla gonna a trapezio, che servirà a bilanciare la parte superiore del corpo con quella inferiore.

Fisico a rettangolo: come scegliere l’abito da sposa giusto

Quando una donna ha un fisico a rettangolo, non vi sono grosse differenze tra le misure del petto, del punto vita e dei fianchi. Benché questa forma sia più una prerogativa maschile, alcune donne presentano un corpo androgino, che va valorizzato con l’abito da sposa adatto.

In questo caso, un vestito a sirena potrebbe conferire il giusto slancio alla silhouette, che risulterebbe sinuosa e armoniosa.

Per valorizzare le spalle nel modo migliore, lo scollo a barchetta è quello maggiormente indicato. È consigliabile tenere a mente queste indicazioni non solo per il vestito da sposa, ma anche per l’abito da cerimonia.

Fisico a triangolo invertito: i consigli per un abito da sposa al top

Se la forma del corpo è a triangolo invertito, significa che le spalle e il décolleté sono più pronunciati rispetto ai fianchi, con un punto vita che può essere più o meno sottile.

Per armonizzare al meglio la figura, gli abiti da sposa più indicati sono quello A-line, che scende morbido sui fianchi e ne mimetizza il dislivello con le spalle, oppure una versione a principessa, in cui la gonna ampia e vaporosa avrà la stessa funzione riequilibrante.

Per il fisico a triangolo invertito, le spalline del corpetto, preferibilmente oblique, avranno la funzione di addolcire le spalle e presentarle nella loro forma migliore.

Per scegliere l’abito da sposa perfetto non basta conoscere il proprio corpo. Bisogna anche tenere conto del periodo dell’anno in cui verrà effettuato il matrimonio (leggi anche: “Mese migliore per sposarsi: guida alla scelta“)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

× Come possiamo aiutarti?